Giovedì 8 settembre, sul ring di Impact Hub Milano, nel giardino della nostra nuova sala eventi in via Aosta 4, è andato in scena il secondo episodio del Fight Club. 

Con la collaborazione di Futureberry, Innovation Design Company che disegna nuove strategie per la crescita di idee persone e aziende, abbiamo deciso di dare vita a questo nuovo format per far confrontare su un tema specifico nuovi imprenditori, manager, esperti, scambiandosi suggerimenti, idee, lesson learned, storie di successo con l’obiettivo per gli “startupper” di avere delle informazioni che possano aiutarli concretamente nel loro lavoro.

Il Fight Club ha due punti fermi. Un tema verticale attorno a cui parte il confronto tra i partecipanti: “Finanziamento: dalla raccolta alla gestione” nel nostro secondo appuntamento; e un ospite protagonista dell’evento, il cosiddetto “fighter”, che per questa occasione era Fabrizio CapobiancoFounder di Funambol e CEO TOK.tv.

Per chi non fosse stato presente a questo evento esclusivo, Valentina Lunardi di Market Revolution ha riassunto le scoperte e i consigli utili emersi dal Fight Club grazie all’esperienza di Fabrizio, che puoi conoscere meglio leggendo qui sotto. Per proseguire nella lettura del resoconto della serata clicca invece QUI!

E non dimenticare, per conoscere in anteprima quando sarà il prossimo Fight Club iscriviti alla nostra newsletter, oppure seguici su Facebook e Twitter.

Fighter’s profile: Fabrizio Capobianco

Fabrizio Capobianco

Vi siete mai chiesti cosa fareste per il vostro business se riceveste 35 milioni di finanziamento? Come si trova il successo in Silicon Valley?

Fabrizio Capobianco è la persona che può rispondere a queste domande. La sua vita professionale è iniziata a Pavia nella seconda metà degli anni ’90 con la creazione di una società per costruire siti web; un’impresa non semplice, in realtà, in una fase in cui molte aziende ancora non capivano quale fosse l’utilità del “.com”. La strada dell’innovazione lo porta così verso la Silicon Valley dove, nel 2002, crea Funambol, azienda specializzata in servizi cloud che oggi ha decine di milioni di utenti nel mondo, un team di 100 persone di cui 50 a Pavia, contratti con grandi utility telefoniche come Telefónica e una raccolta in venture capital da 35 milioni di dollari. Oggi, oltre a essere presidente del board di Funambol, è ceo di TOK.tv, social network che permette a tifosi sparsi in qualunque parte del mondo di condividere la visione delle partite in tv. Inutile dire che conta già oltre 12 milioni di utenti.

Continua a leggere l’articolo sul sito di Market Revolution!