Il nostro CEO Marco Nannini sarà giudice per EXPO Innovation Challenge che apre oggi venerdì 9 fino a domenica 11 ottobre. Proprio l’ultimo giorno del weekend vedrà Marco impegnato nel ruolo di giudice dell’iniziativa volta a trovare soluzioni innovative ai temi di EXPO 2015.

Di seguito potete leggere la chiacchierata che gli organizzatori di EXPO Innovation Challenge hanno avuto con il nostro CEO.

Intervista a Marco Nannini

Siamo qui con Marco Nannini, CEO di Impact Hub Milano e giudice all’Expo Innovation Challenge.
Marco, tu sei molto attivo nell’ecosistema Startup Milanese. Riesci a farci un riassunto di tutte le tue attività?

Certamente! Come avete detto sono socio e CEO di Impact Hub Milano e Managing Director di FabriQ. Inoltre sono socio e Managing Director di Italian Angels For Growth (IAG), il piu importante gruppo italiano di Business Angels.

Sono a mia volta anche uno startupper, visto che sono cofondatore e membro del CdA di Almostthere, startup nel settore wellness & sport. Si può quindi dire che ho una visione a 360 gradi del mondo dell’innovazione.

Impact Hub Milano ha deciso di intraprendere una partnership con Expo Innovation Challenge, ci racconti il perché? 

Ho particolarmente apprezzato la concretezza del’evento.  Expo Innovation Challenge è un’iniziativa unica, che ha come obiettivo quello di trovare soluzioni innovative ai temi di Expo 2015.

Al contrario di altri Hackathon, in cui le idee nascono e finiscono in quel contesto, queste potranno essere portate davanti alla giuria solo se prototipate, e riceveranno i mezzi per svilupparsi anche dopo l’evento grazie ad un premio rilevante, da 20.000 Euro.

Credo questo sia un aspetto molto importante da considerare, perché è essenziale che le risposte ai “mali” del mondo siano concrete e in grado di avere un impatto, e questo concetto è parte fondamentale della mission di Impact Hub Milano.

Parlando di Impact Hub Milano, quale è il suo ruolo in questa competizione? 

Impact Hub Milano ha un doppio coinvolgimento nella competizione.

Da una parte sarò uno dei giudici che dovranno selezionare e premiare i team vincitori, e dall’altra Impact Hub Milano offrirà un percorso di incubazione della durata di 6 mesi a uno dei migliori team partecipanti, per accompagnare l’idea durante lo sviluppo e creare una startup di successo.

Per raggiungere l’obiettivo il team verrà affiancato da mentors ed esperti del settore, ed abbiamo deciso di includere ogni progresso del progetto nella pagina dedicata alle novità delle nostre Startup.

Ci piace l’idea di consentire di seguire lo sviluppo anche oltre Expo Innovation Challenge, e assistere, dunque, alla sua realizzazione effettiva.

A chi pensi si rivolga questo Hackaton, e cosa ha di particolare questa edizione?

Secondo me, si rivolge a tutti quelli che vogliono creare un impatto positivo per la nostra società e a coloro che durante questo Expo 2015 si sono chiesti davvero come fosse possibile risolvere i problemi legati al food.

Soprattutto, però, è rivolto a chi è disposto a mettersi in gioco e ad accettare la sfida di trovare una soluzione concreta a sfide reali della nostra società.

Quindi cosa ti aspetti da questo Hackathon?

Da questo Hackaton mi aspetto di conoscere dei Team capaci di sviluppare idee interessanti e soprattutto concrete per la risoluzione delle sfide proposte.

Credi davvero che le nuove tecnologie possono davvero rispondere alle problematiche poste da Expo: Feeding the Planet. Energy for Life”?

Io penso che le nuove tecnologie possano essere applicate in innumerevoli ambiti, e il food non è un eccezione.

Il problema legato alla sostenibilità della produzione e del consumo di cibo è comune a tutto il mondo, seppur in maniera totalmente diversa, e credo che proprio questo debba spronarci a riflettere su queste tematiche per trovare delle vere soluzioni nell’immediato futuro.

Le nuove tecnologie possono senza dubbio fornire soluzioni concrete, e credo, quindi, che siano la chiave per far si che Expo Innovation Challenge possa dare un apporto davvero importante nella risoluzione delle sfide attuali.

Grazie Marco per il tuo tempo, ci vediamo a Milano il 9 ottobre!