Impact Hub Milano organizza Impact Park, la prima jam session italiana sull’Impact Investing.

  • L’evento, realizzato in collaborazione con il family office e acceleratore d’impresa Rancilio Cube e il supporto di Toniic – una delle principali community globali di Impact Investors – vuole rappresentare un momento di confronto di esperienze di imprenditori, opportunità concrete di investimento, testimonianze motivazionali per innescare un positivo circolo virtuoso tra ritorno sull’investimento e limpatto sociale.
  • L’evento rappresenta la naturale prosecuzione della finale italiana della competizione internazionale di startup Global Social Venture Competition e vedrà infatti presentarsi le prime due classificate di questo contest. Saranno inoltre presenti startup del network di Impact Hub Milano e alcuni Impact Champion, aziende eccellenti nella capacità di generare impatto sociale quali Treedom, Charity Stars e Permicro.
  • Impact Park si terrà il 23 Febbraio dalle 16 fino alle 22 presso la sede di Impact Hub Milano in via Aosta, 4.

Impact Hub Milano, lo spazio di co-working e incubatore d’impresa focalizzato sull’innovazione sociale, continua il proprio percorso di attenzione verso l’impact investing organizzando la prima jam session italiana di questo settore in Italia: Impact Park.

Impact Park, che si terrà il 23 Febbraio dalle 16 alle 22 presso la sede dell’incubatore, sarà un’iniziativa unica nel suo genere nel nostro Paese, dove l’Impact Investing diventa protagonista attraverso presentazioni di startup, dibattiti, testimonianze, opportunità di investimento e creazione di relazioni dirette. Sono previsti anche momenti conviviali e di intrattenimento musicale.

L’evento è realizzato in collaborazione con il family office e acceleratore d’impresa Rancilio Cube e con il supporto di Toniic, una delle principali community internazionali di global investors.

Con l’organizzazione di questo evento vogliamo rendere Impact Hub Milano il posto fisico di riferimento per l’impact investing italiano. Un luogo di aggregazione e di sviluppo dei progetti, dove gli operatori del settore, anche internazionale, possano avere una sede stabile”, ha affermato Marco Nannini, Presidente e CEO di Impact Hub Milano.

Per noi impact investing significa mettere risorse in aziende e progetti in grado di generare un ritorno sull’investimento e un impatto sociale/ambientale positivo in modo da creare un circolo virtuoso in questo senso. Il nostro obiettivo è che la prospettiva impact venga incorporata nel giro di qualche anno anche dagli investitori “mainstream” e non venga più percepita nessuna differenza tra i due ambiti”, ha concluso Nannini.

Una ricerca effettuata nel 2016 dalla stessa Toniic su 50 portafogli internazionali di asset management attenti all’impact investing (per un totale di $1,65 miliardi disponibili) ha dimostrato che questa convergenza sta già avvenendo concretamente. Lo Studio ha infatti rilevato che questi asset sono investiti in progetti di impact investing in media per il 64% del totale e un terzo di questi portafogli ha già puntato il 90% delle risorse su investimenti impact. Le motivazioni finanziarie all’investimento nel settore sono in generale le stesse degli investitori tradizionali: preservare il capitale e generare un ritorno finanziario. Dalla ricerca emerge inoltre che il più comune tema di investimento, che catalizza un terzo delle risorse complessive, è l’ambiente.

Impact Park rappresenta il naturale sviluppo della finale italiana della Global Social Venture Competition (GSVC), competizione internazionale volta a far conoscere nuove imprese a forte rilevanza sociale e/o ambientale. Le due prime classificate della competizione presenteranno infatti il proprio progetto nel corso di Impact Park.

L’evento vedrà inoltre intervenire Banca Intesa, Italeaf, Prodigy Finance, Oltre Venture.

L’iniziativa sarà poi l’occasione di vedere a confronto casi di eccellenza di imprese impact italiane quali Treedom, progetto che consente di contribuire alla riforestazione del pianeta: basta scegliere la specie e un contadino pianterà l’albero a nome di chi l’ha acquistato e se ne prenderà cura. Grazie a Treedom ed ai suoi utenti sono già stati piantati oltre 250.000 alberi in diversi Paesi del mondo, soprattutto in Africa.

Tra i progetti di rilievo anche CharityStars, la prima piattaforma digitale che mette all’incanto oggetti, esperienze e incontri esclusivi con personaggi famosi e aziende, devolvendo in beneficenza i proventi raccolti. A tre anni dal lancio sono stati raccolti 3,5 milioni di Euro netti a favore di 350 organizzazioni non profit grazie al coinvolgimento di oltre 350 celebrities e 300 aziende.

Nell’impact investing caso di successo è sicuramente quello di Permicro, che crea occupazione e inclusione sociale attraverso l’erogazione professionale di microcrediti, l’educazione finanziaria e l’offerta di servizi di avviamento e accompagnamento all’impresa. 


È possibile registrarsi all’evento direttamente dal box qui sotto.