Startup Innovativa a vocazione sociale, GoBimbo ha completato da poco un percorso di incubazione di 9 mesi presso FabriQ, incubatore di innovazione sociale del Comune di Milano gestito da Fondazione Giacomo Brodolini e da Impact Hub Milano. La startup è adesso in cerca di risorse per crescere, e per questo motivo ha lanciato una campagna di equity crowdfunding.

GoBimbo è la prima piattaforma specificamente pensata per semplificare la vita di genitori e famiglie nella ricerca di attività e servizi per i propri bambini da 0 a 10 anni. Tramite l’app o il sito web, è infatti possibile essere sempre aggiornati sulle attività adatte ai propri bambini, ottenendo risultati geolocalizzati su mappa e filtrati in base alle preferenze indicate dall’utente (età, luogo, orario, tipologia di servizio ricercato).

Lanciata a Gennaio 2015, l’app ha già raggiunto importanti risultati: oltre 15.000 download con oltre 145.000 ricerche effettuate dagli utenti. Inizialmente testato a Milano, il servizio si è poi allargato ad altre quattro città: Roma, Torino, Varese e Monza.

Dopo i primi successi, anche le prospettive per il futuro sembrano rosee: secondo la fondatrice Ljuba Safaric, il mercato dei bambini, che attualmente ha un valore di 404 milioni di euro/mese¹, è in forte crescita, e le aziende sono alla ricerca di app su cui investire i propri budget pubblicitari. Le previsioni di crescita della startup, basate sui risultati ottenuti finora, vedono il fatturato a cinque anni intorno a un milione di euro e l’EBITDA intorno a 265mila euro.

Attualmente, GoBimbo genera ricavi tramite due canali: le fee pagate da chi offre le attività e i servizi per bambini, e l’offerta di banner pubblicitari per aziende, strutture e marchi in generale. Partite a gennaio 2016, le vendite dei pacchetti banner hanno già coinvolto 50 strutture che hanno sottoscritto l’offerta. Nuovi servizi sono previsti per il futuro, con l’obiettivo di ottimizzare l’esperienza d’uso degli utenti e di differenziare le fonti di reddito. Tra questi: l’acquisto in-app di biglietti; l’acquisizione di Business Insight, ovvero la raccolta e l’analisi dei dati utente a livello aggregato; e la possibilità per gli utenti di segnalare luoghi ed eventi.

I prossimi passi per GoBimbo saranno consolidare la presenza nelle città attuali, e scalare il servizio su nuove città. Per questo ha deciso di lanciare una campagna di equity crowdfunding sulla piattaforma CrowdFundMe, con l’obiettivo di raccogliere da un minimo di 72.000€ fino ad un massimo di 115.000€ entro il 30 maggio. Questi soldi saranno investiti principalmente in nuove risorse commerciali, in marketing e in comunicazione.

Ma cosa si intende per equity crowdfunding? L’equity crowdfunding è una forma di finanziamento destinata al momento alle startup innovative, che permette alle startup di ottenere fondi da un vasto pubblico di investitori tramite internet. A differenza del reward crowdfunding, che prevede la raccolta di finanziamenti via internet a fronte di una ricompensa consistente tipicamente in un regalo o riconoscimento, l’equity crowdfunding permette alle startup di offrire le proprie azioni agli investitori, che entrano così nel capitale della società.

GoBimbo ha messo a disposizione degli investitori due classi di azioni: azioni senza diritto di voto a un prezzo di 250 euro l’una, e azioni con diritto di voto a un prezzo di 20 mila euro l’una. Grazie all’iscrizione di GoBimbo nel registro delle startup innovative a vocazione sociale, i sottoscrittori potranno godere di una significativa detrazione fiscale, pari al 25% del valore dell’investimento.

Articolo di Roberta Mallia

 

¹spesa media mensile in attività culturali, ricreative e legate al tempo libero dei bambini – dati Istat 2013