Dopo l’esperienza dell’Africa Seed Program, la rete internazionale Impact Hub lancia insieme alla ONG Cordaid il programma Resilience Africa, per supportare le imprese sociali e l’impatto in altre 6 nazioni africane.

L’Africa sta dimostrando sempre di più di essere un continente fertile nel generare idee in grado di produrre un cambiamento, ma come per tutti gli imprenditori per far diventare queste idee realtà è necessario avere accesso a numerose risorse, inclusi gli spazi, i consigli, il network e i fondi adeguati. Come per l’Europa, l’America, l’Asia e l’Oceania, anche in Africa non può esserci impatto nell’isolamento.

Per questo la rete globale Impact Hub ha lanciato l’iniziativa Africa Seed Program, che ha portato 7 teams locali in Ghana, Mali, Rwanda, Sudan, Uganda, Zambia e Zimbabwe a diventare ufficialmente Impact Hub Candidates.   

Non solo. Da questa prima esperienza è nato Resilience Africa, un programma innovativo realizzato in partnership con la ONG Cordaid per aprire 6 nuovi Impact Hubs in Burundi, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Kenya e Sierra Leone e creare l’infrastruttura utile a sostenere lo sviluppo di imprese sostenibili.

Dal supporto ai team locali per la creazione degli spazi fisici, ai programmi d’incubazione destinati agli imprenditori sociali africani che saranno parte delle communities die nuovi Impact Hubs della rete. Saranno 4 le Impact Hub Fellowship a supporto di nuove idee imprenditoriali concentrate in 4 aree ad alto impatto, mentre il programma Social Business Incubator avrà lo scopo di preparare le startup all’incontro con gli investitori sociali e alla scalabilità.

Conoscete un team di persone in Africa che ha le competenze imprenditoriali, una rete di relazioni e la passione necessaria per aprire le porte di un Impact Hub in uno di questi Paesi? C’è tempo fino al 7 Aprile 2015 per candidarsi e essere parte di Resilience Africa!